Carlo Crivelli. Le relazioni meravigliose

Carlo Crivelli. Le relazioni meravigliose

Carlo Crivelli

Dal 07 Ottobre 2022 al 12 Febbraio 2023
MACERATA
LUOGO: Palazzo Buonaccorsi e Regione Marche
INDIRIZZO: Via Don Giovanni Minzoni 24
CURATORI: Francesca Coltrinari e Giuliana Pascucci

ENTI PROMOTORI:

  • Regione Marche
  • Comune di Macerata
  • in collaborazione con Università degli Studi di Macerata e Fondazione Carima

TELEFONO PER INFORMAZIONI: +39 0733 256 361
E-MAIL INFO: info@maceratamusei.it
SITO UFFICIALE: http://musei.macerata.it

Non se ne sta quieto, né mostra di essere pago di una creatività scontata e ripetuta; si arrovella invece nel cercare non composizioni nuove, ma nuove soluzioni formali, quasi soggiogato dalla esigenza di un’impossibile perfezione. P. Zampetti, 1986

Un progetto dedicato a Carlo Crivelli (Venezia, 1430 – 1435 circa – Ascoli Piceno?, 1495) invita il pubblico a un viaggio di scoperta verso le meraviglie della pittura di uno dei maestri del Rinascimento attraverso una terra ricca di storia e arte. Un percorso che parte da Macerata, sede della mostra, all’interno di Palazzo Buonaccorsi e prosegue in 8 comuni della Regione Marche che conservano opere dell’artista o a esso fortemente collegate in una serie di, come suggerisce il titolo, relazioni meravigliose.

L’occasione di Carlo Crivelli. Le relazioni meravigliose, a cura di Francesca Coltrinari e Giuliana Pascucci, è l’importante intervento di restauro realizzato a favore della Madonna con il Bambino di Crivelli, custodita a Palazzo Bonaccorsi e presentata per la prima volta nella sua piena leggibilità e splendore. La prima mostra monografica dedicata a Carlo Crivelli nelle Marche, la sua patria di adozione, che completa la serie di progetti espositivi a lui dedicati a livello internazionale a partire dagli anni ‘2000 come Crivelli e Brera, Milano, 2009; Ornament and Illusion. Carlo Crivelli of Venice, Boston, 2016; Gli ori di Crivelli, Musei Vaticani, 2019; Carlo Crivelli. Shadows on the Sky, Birmingham, 2022.

Pittore inquieto, sperimentatore, pieno di grazia e di genio, Carlo Crivelli è una delle figure più intriganti del XV secolo. Veneziano di nascita, in seguito ad una vicenda giudiziaria in cui fu coinvolto, abbandona la laguna giungendo prima a Zara per poi trasferirsi nelle Marche, influenzando in modo definitivo la storia dell’arte di quel territorio e non solo. Sconosciuto per decenni, riscoperto e adorato soprattutto dagli artisti preraffaelliti inglesi, conteso dai collezionisti del mondo, Carlo Crivelli a oggi è una figura indipendente che proietta il suo fascino, fatto di invenzioni sempre diverse, estrema perfezione tecnica e mistero.

Macerata
La mostra all’interno dello straordinario Palazzo Buonaccorsi, progettato nel 1697 da Giovan Battista Contini, allievo di Gian Lorenzo Bernini, raccoglie sette dipinti, provenienti da musei italiani e non solo, selezionati con l’intento di riportare nel territorio di provenienza alcuni dei dipinti di Crivelli e di presentare i più aggiornati contributi di ricerca e indagine di carattere scientifico evincendo le molteplici relazioni “meravigliose” esistenti tra le opere, i maestri coevi, i musei che li hanno accolti fino ai visitatori di oggi.

Accanto alla Madonna con il Bambino di Macerata saranno esposti: Madonna del latte proveniente dalla Pinacoteca Parrocchiale di Corridonia, Madonna con il Bambino da Accademia Carrara di Bergamo, Pietà (Cristo morto compianto dalla Vergine, san Giovanni Evangelista e santa Maria Maddalena) dai Musei Vaticani, San Francesco che raccoglie il sangue di Cristo da Museo Poldi Pezzoli di Milano, Cristo benedicente da Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo a Roma oltre a un’opera del fratello Vittore Crivelli, San Sebastiano e devoti custodita nei depositi della Soprintendenza presso la Galleria Nazionale delle Marche di Urbino e che sarà restituita a fine mostra alla città di Montegiorgio, da cui proviene.

Itinerario Crivelli
Si parte da Macerata, dentro e fuori Palazzo Buonaccorsi, per proseguire poi verso Corridonia, San Ginesio, Sarnano, Monte San Martino, San Severino Marche, Serrapetrona, Belforte del Chienti. Un progetto che vuole far riscoprire l’opera di Crivelli, tra grandi pale d’altare e opere di formato ridotto per la devozione privata, e il legame con il territorio marchigiano che lo ha ospitato (dal 1468 al 1495) e in cui ha realizzato la maggior parte dei suoi capolavori.

Itinerario Crivelli, progetto sviluppato grazie alla collaborazione con l’Università degli Studi di Macerata, i comuni interessati e le diocesi di Macerata e Camerino, prevede opere del maestro veneziano e di artisti a lui fortemente connessi, come il fratello Vittore Crivelli, l’allievo Pietro Alemanno, i Vivarini, Giovanni Boccati, Lorenzo d’Alessandro da Sanseverino, esempi della tradizione del polittico veneziano sia importato sia realizzato da maestri locali, oltre ad Antonio Solario, erede designato della bottega dell’ultimo dei Crivelli.

La ricerca della bellezza. La collezione Cavallini Sgarbi. Da Lotto a Morandi

La ricerca della bellezza. La collezione Cavallini Sgarbi. Da Lotto a Morandi

Dal 12 Giugno 2021 al 30 Settembre 2022

Ascoli Piceno

Luogo: Palazzo Dei Capitani

Indirizzo: Piazza del Popolo 10

Orari: tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 20.00 con ultimo ingresso un’ora prima della chiusura

Curatori: Vittorio Sgarbi

Enti promotori:

Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno
Patrocinio di MiC – Ministero dell Cultura

Costo del biglietto: intero 10 €, ridotto 8 € (under 18, over 65, studenti universitari), ridotto scuole 5 €

Telefono per informazioni: +39 380 3784163

E-Mail info: biglietteria@contemplazioni.it

Link: QUI

Domeniche CULT a Macerata

Domeniche CULT a Macerata

⭐️ Pronti per le Domeniche Cult? Ogni domenica una nuova esperienza alla scoperta dei musei civici di Macerata. Si parte domenica 9 febbraio con il tour “Macerata dall’alto”: saliremo in cima alla torre dell’orologio da cui ammirare dai Sibillini fino al mare, da nord a sud.

? Panorama mozzafiato assicurato!!!!

Che bella sorpresa!

Che bella sorpresa!

Con grande piacere scopriamo di essere presenti nel Museo di Fotografia Contemporanea a Cinisello Balsamo di Milano.  La foto fu pubblicata nel 1997 per “I vignaioli storici” a cura di Luigi Veronelli, filosofo, giornalista, scrittore e gastronomo italiano. Mia mamma Valeria, una delle prime donne sommelier in Italia,  mio marito, io e le mie piccole Valentina e Veronica.

Autore: Nocera, Enzo (1944/ 1993), fotografo
Luogo e data della ripresa: Milano (MI), Italia, 1987
Materia/tecnica: gelatina bromuro d’argento/pellicola in rullo negativa (acetato)
Misure: 6 x 7
Genere: ritratto
Soggetto: biografia / ritratto; imprenditori; agricoltura

Corso di Permacultura & Food Forest al Bosco dei Flò

Corso di Permacultura & Food Forest al Bosco dei Flò

Vuoi conoscere la Permacultura, le Food forest e l’agroforestry?

Unisciti alla nostra comunità di apprendimento nel Bosco dei Flò – arte e natura!!!!

Le Food Forest e i sistemi agroforestali sono sistemi di coltivazione basati su Policolture (più piante nello stesso impianto) di cui molte Perenni o autoriseminanti. Una Food Forest tende all’autofertilità e autoregolazione, attraverso la piantumazione di piante da supporto accanto a quelle di diretto uso umano (alberi da frutto, piante officinali, da tisana ecc.). Imitiamo il bosco per ottenere la massima produzione da una piccola o grande area con i minimi input dall’esterno.

In un’indicabile esperienza di studio e tanta pratica tratteremo:

– Permacultura: cos’è, Etiche e Principi di progettazione
– Food Forest: cos’è, vari approcci, esempi
Scala di Permanenza
– Clima e morfologia: leggere il territorio, caratteristiche e influenze sulla progettazione
– Acqua: gestione, infiltrazione e irrigazione passiva
-Accessi: dove posizionarli, patterns e dimensionamento
– Suolo: Orizzonti, Interazioni, Fertilizzazione, Compostaggio (hot compost, bocashi)
– Alberi e foreste: Alberi e loro transazioni energetiche
– Ecologia di una foresta: Successioni naturali, Strati di vegetazione, Densità della vegetazione, Biodiversità funzionale (funzioni nell’ecosistema, gilde), Nicchie e specie
– Strutture, recinti e zone d’uso: Patches
– Progettazione della Food Forest: dalla vision alla struttura base, ai dettagli
– Rilievi e misurazioni del sito
– Implementazione delle strutture di ritenzione e infiltrazione dell’acqua
– Selezione delle specie
– Preparazione, fertilizzazione e inoculo del suolo
– Piantumazione, colture da copertura e protezione del suolo con pacciamatura
– Propagazione delle piante
– Gestione ordinaria e straordinaria a seconda degli stadi della Food forest
e tanto, tanto altro…

Docente: GIUSEPPE SANNICANDRO
Studia, progetta ed insegna Permacultura in Italia, Grecia, Svizzera, Slovenia, Spagna ed Uganda. Cofondatore dell’associazione Naumanni – Permacultura migrante. Diplomato in Permacultura a Tenerife e membro e Tutor per il Diploma in Permacultura riconosciuto dall’Accademia Italiana di Permacultura. Progetta ed offre consulenze ad aziende agricole multifunzionali, ecovillaggi, progetti di Permacultura urbana. Organizza ed insegna in corsi e laboratori di Permacultura, Agricoltura Rigenerativa, Movimenti terra, Gestione dell’acqua, Keyline design, Fertilità del suolo, orticoltura e Food Forest. https://naumanni.wordpress.com/

NB: l’evento si attiverà con un minimo di 10 partecipanti

Costo: 220 € per la quota delle 5 giornate di docenza
possibilità di vitto e alloggio e posti limitati con offerta
PROMOZIONE : per chi si iscrive entro il 20 settembre 2018 la quota di partecipazione sarà di 200€

PRENOTAZIONI e INFO
Per prenotare il corso, l’alloggio e avere più informazioni sulle cinque giornate che ci aspettano contattaci qui➡ VERONICA: veronicacf@tiscali.it – 3491401174